giovedì 10 settembre 2015

REFLUSSO GASTROESOFAGEO

In termini molto semplici il REFLUSSO GASTROESOFAGEO è quella condizione in cui il contenuto acido dello stomaco (gastro) risale nell'esofago.
In genere cio' avviene dopo i pasti e se accade sporadicamente non provoca molti problemi, si avverte bruciore di stomaco e si ha rigurgito.
Nei casi piu' frequenti la sintomatologia si complica ed il bruciore diventa un vero e proprio dolore, che si avverte allo sterno e  spesso fa pensare all'infarto, in questa situazione si parla di Malattia da Reflusso gastroesofageo.
La ripetuta risalita del succo gastrico puo' provocare varie complicanze , come l'esofagite ,cioe' infiammazione dell'esofago; ulcere , cioe' piccole lesioni; il lume esofageo si ristringe  e nei casi estremi possono comparire anche neoplasie .

Ma quali sono le possibili cause ?
-Alimentazione, spesso mangiamo velocemente,  ingurgitando molta aria , senza masticare bene per cui il  cibo non viene triturato nel modo giusto, quindi i succhi gastrici non riescono ad esercitare il loro ruolo.
Mangiare lentamente, in quantita' non eccessiva, meglio se poco e distribuito piu' volte al giorno, evita il tanto temuto reflusso.
E' meglio limitare il consumo di caffe', di alcool, di cibi grassi, non fumare, mai sdraiarsi subito dopo aver mangiato, camminare, non indossare indumenti troppo stretti ed evitare quei movimenti che potrebbero causare pressione sull'addome.
Quando ci si corica per la notte è consigliabile mettere due cuscini dietro la testa ed assumere una posizione come se si stesse seduti.
Anche lo stress ha un ruolo importante, per cui sarebbe consigliabile limitarlo, ma ovviamente non è per nulla semplice!
Esistono farmaci che aiutano ad accelerare lo svuotamento dello stomaco,oppure quelli che proteggono la mucosa dell'esofago dall'attacco degli acidi.
E poi quelli che riducono l'acidita' delle secrezioni gastriche impedendo, quando c'è il reflusso, al contenuto acido dello stomaco di corrodere la mucosa dell'esofago.
Il reflusso puo' essere causato anche dall'ernia iatale , che si ha quando una piccola porzione dello stomaco scivola dall'addome al torace, a causa di un allargamento dell'apertura (iato esofageo),che unisce l'esofago allo stomaco.

Nessun commento:

Posta un commento

lasciate un commento. Grazie !!!!