mercoledì 26 agosto 2015

ALIMENTAZIONE : RICETTE CON ERBE SELVATICHE

Una dieta sana e corretta  è molto importante per la nostra salute, spesso si possono utilizzare ingredienti a basso costo.

Per una sana alimentazione sono consigliate le erbe dette selvatiche , coltivabili anche sul balcone di casa, un piccolo orticello artigianale.
Preparare dei piatti con queste erbe è anche un modo per risparmiare a livello economico; ne esistono moltissime varietà e le ricette sono davvero di facile esecuzione.
Ve ne propongo alcune :
Pasta sfoglia alla cicoria selvatica
ingredienti
-250 g di pasta sfoglia (fresca o surgelata)
-200 g di cicoria selvatica
-200 ml di panna
-1 uovo
-200 g di fontina
-200 g di speck
-curcuma,timo,pepe,parmigiano.
ricette con erbe selvatiche


Puliamo la cicoria selvatica e lessiamola in acqua bollente per alcuni minuti.
Sbattiamo l'uovo a cui poi uniamo la curcuma,il parmigiano e la panna, in ultimo la cicoria, aggiungiamo alla sfoglia precedente stesa, quindi mettiamo la fontina tagliata a dadini, lo speck e le erbe tritate .
Arrotoliamo  e inforniamo a 220° per circa 30 minuti.

Polpette di borragine
ingredienti
-300 g di foglie di borragine
-150 g di ricotta
-2 uova
-sale,pepe,noce moscata
-olio
-aglio,prezzemolo,timo.
ricette con erbe selvatiche


Lessiamo le foglie di borragine per alcuni minuti,scoliamo e  le strizziamo .
Su un tagliere le tritiamo assieme all'aglio,al prezzemolo e al timo e poi mettiamo il tutto in  una scodella, aggiungiamo quindi la ricotta,le uova,il parmigiano , sale e pepe.
Forniamo le polpettine, passandole nel pan grattato , friggiamo.

Un consiglio : se l'impasto dovesse risultare morbido basta aggiungere un po' di farina, se al contrario risultasse duro aggiungeremo un uovo.




giovedì 20 agosto 2015

BENEFICI DELL'OLIO ESSENZIALE DI BERGAMOTTO

Il bergamotto fu coltivato nel 1750 da Nicola Parisi a Reggio Calabria, nel fondo di rada di Giunchi, di fronte al lungomare comunale Zerbi.
L'olio essenziale fu estratto dalla buccia tramite macchinari che furono progettati da Nicola Barillà.
L'albero del bergamotto è altro dai 3 ai 4 metri, i fiori sono bianchi e molto profumati; le foglie non cadono mai.
Il frutto ha una grandezza intermedia tra quella di un'arancia e quella del pompelmo, è di colore giallo.
Benefici dell'olio essenziale di bergamotto
L'olio essenziale è usato per i suoi benefici,infatti è utile per :
 - migliorare l'umore
 - regolare il senso di fame
 - nei casi di spossatezza
 - purificare la pelle e deodorarla
 - combattere l' acne ed è utile per le pelli grasse
 - alleviare le irritazioni della cute
 - riattivare la circolazione
 - utile alla digestione
 - ha un'azione di rilassamento nei casi  di stress
 - è efficace contro l'insonnia.
Modi di utilizzo
Si mettono alcune gocce di olio essenziale di bergamotto in un diffusore  di essenze, l'odore aiuterà a rilassarsi, invece per purificare la pelle bisogna aggiungere 6  gocce  all'olio di mandorle , quindi si spalma la miscela sulla parte interessata.
bergamottoPer quanto riguarda la circolazione si prepara una lozione aggiungendo ad un cucchiaio di olio di mandorle 4 gocce di olio essenziale di bergamotto, quindi si massaggia la zona per riattivare la circolazione, partendo dal  basso.

venerdì 14 agosto 2015

IGIENE DENTALE, ACQUA E SALE AL POSTO DEL COLLUTORIO

L'igiene della bocca è molto importante per prevenire infezioni ed infiammazioni che spesso sono causa di alcune patologie.
Prima di tutto è necessario scegliere un dentifricio non aggressivo per evitare che logori lo smalto dentale.
Per ottenere una corretta igiene dentale, adoperiamo quotidianamente il collutorio, ma ignoriamo che contiene zuccheri ed alcol, che possono indebolire sia i denti sia le gengive, per cui sarebbe più opportuno scegliere un prodotto in cui siano presenti poche quantità delle sostanze suddette.
acqua e sale come collutorio

 A tal proposito un recente studio condotto in Australia, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Dental Journal, ha dimostrato che per una migliore igiene,dopo aver lavato i denti con il dentifricio, è consigliabile l'uso dell'acqua contenente sale, la cui azione è quella di rinforzare lo smalto dei denti, inoltre favorisce l'idratazione del cavo orale e protegge dall'azione dei batteri, riducendo le infezioni che sono causa di gengiviti e paradontiti.
Bastano piccoli accorgimenti per prevenire futuri problemi, sicuramente mancherà la sensazione di "fresco" prodotta dal collutorio, ma sarà un vantaggio  per la nostra salute.

giovedì 13 agosto 2015

LA ZUCCA, BENEFICI ED UNA RICETTA DELLO CHEF ALESSANDRO BORGHESE

Alla fine del mese di ottobre si celebra la festa di Halloween e la zucca diventa protagonista.
Non tutti sanno che questo alimento contiene alcune sostanze che apportano benefici al nostro organismo.

Composizione e benefici della zucca
La zucca contiene il beta carotene che nell'organismo viene convertito in vitamina A, utile per la protezione della pelle.
La zeaxantina è un'altra sostanza presente in questo alimento, la cui funzione è quella di migliorare la vista.
Poi  magnesio,calcio, potassio, vitamina B, zinco, che agiscono sul sistema immunitario rafforzandolo.
La zucca contiene gli acidi grassi "buoni" che aiutano le attività cardiache.
E poi ci sono le fibre, che svolgono un'azione benefica sull'intestino, regolandone le funzioni.
Questo alimento può essere mangiato in tutta tranquillità poichè contiene poche calorie.

Le polpette di zucca e provola (ricetta di Alessandro Borghese)

Ingredienti:
200 grammi di zucca arrostita
1 patata lessa
50 grammi di provola affumicata
1 uovo
1 tuorlo
1 cucchiaio di pecorino grattugiato
farina
sale, pepe, olio

Procedura:
tagliare a pezzetti la zucca e la patata lessa , frullare fino ad ottenere un composto che sia omogeneo e cremoso.
zuccaAggiungere un cucchiaio di pecorino grattugiato, un uovo, un tuorlo, un pizzico di farina, sale e pepe a piacere.
Tagliare la provola a cubetti piccoli, aggiungere al composto preparato prima, amalgamare tutto, quindi formare delle polpette,si passano nel pan grattato e infine si friggono.


martedì 11 agosto 2015

MENOPAUSA e PSICHE

La menopausa è quel traguardo della vita di una donna che comporta un cambiamento non sempre ben accetto,infatti è spesso accompagnata da momenti di depressione, per cui è necessario ricorrere a supporti psicologici.
Per menopausa si intende il momento in cui cessa del tutto il flusso mestruale,in genere intorno ai 45-52 anni, ci sono casi in cui puo' avvenire anche prima , per motivi diversi .
I sintomi che la caratterizzano sono:
vampate di calore
sudorazione
palpitazioni
vertigini
tachicardia
insonnia
ansia
depressione
astenia
cambiamenti di umore
irritabilita'
riduzione della libido
aumento di peso
cefalea .



Questa vasta gamma di sintomi comporta una reazione smodata, è indubbiamente alquanto fastidioso essere colte all'improvviso da una vampata di calore con conseguente sudorazione ,specialmente se ci si trova in un luogo pubblico o al lavoro, ma non bisogna abbattersi,basta trovare i giusti accorgimenti,ad esempio la respirazione, cioe' prima inspirare lentamente aria e poi altrettanto lentamente espirarla e se c'è gente intorno basta cercare un posto isolato , senza farsi prendere dal panico,  la stessa cosa si puo' fare in caso di palpitazioni.
Molte donne credono che con la menopausa possa venire meno il desiderio sessuale, non è esattamente così, in effetti è la nostra psiche che ci limita,così come non è vero che non si è piu' completamente fertili, infatti sono tante le gravidanze relative a questo periodo.
Insomma cerchiamo di vivere questa fase della vita nel modo piu' sereno possibile, non è una malattia, e  percio' non deve essere considerata tale, importante è trovare il giusto equilibrio con se stesse.
Per quanto riguarda l'aumento di peso, basta seguire una corretta alimentazione accompagnata da sport,come lo jogging, un modo anche per conoscere altra gente, ci sono luoghi appositi dove andare a correre e se si sceglie il giusto orario si è anche in buona compagnia.
I cambiamenti di umore sono gestibili ad esempio creando un hobby, nel momento in cui ci si sente tristi, potremmo dipingere, cucire, leggere, stare al pc, ascoltare musica, imparare a suonare uno strumento, fare una passeggiata, mai autocommiserarsi o  lasciarsi vincere dall' "umoraccio".
Pensate positivo,  ripeto ci sono tante soluzioni, basta volere !

domenica 9 agosto 2015

ESOFAGITE : CAUSE, SINTOMATOLOGIA, RIMEDI

Esofagite

L'esofagite è l'infiammazione dell'esofago, originata da un rigurgito di succhi gastrici presenti nello stomaco, a causa dell'apertura improvvisa dello sfintere gastroesofageo.

Cause e tipologie

Prima di tutto dobbiamo distinguere i vari tipi di esofagite in base alle probabili cause:

- da reflusso, è la forma classica causata da rigurgito di succhi gastrici;
- eosinofila dovuta ad una maggiore presenza di globuli bianchi nel tessuto esofageo, precisamente gli eosinofili, responsabili di reazioni allergiche ed infiammatorie, di solito si ha in risposta ad allergie non solo alimentari ma anche ai pollini;
- da farmaci, causata da ingestione di farmaci assunti con poca acqua o per lungo tempo senza protezione gastrica;
- infettiva, causata da virus, batteri e funghi, frequente nei soggetti immunodepressi.

A livello clinico le esofagiti vengono distinte in:
- forma lieve, la mucosa dell'esofago presenta piccole alterazioni ;
- erosiva si ha sanguinamento, ulcere, essudato;
- stenotica, fibrosi della mucosa ;
- esofagite di Barrett con ulcere, tumori e esofagite stenotica.

Sintomatologia

I sintomi classici sono relativi alla deglutizione, infatti si ha dolore e difficoltà ad ingoiare, dolori nel tratto retrosternale del torace, nausea,vomito, ipersalivazione e diminuzione dell'appetito, faringite, laringite, disfonia spasmodica.

Rimedi

E' molto importante curare l'alimentazione evitando i cibi grassi e piccanti, le bevande gassose, i pasti troppo abbondanti, ridurre il consumo di caffè e di thè, poca cioccolata e menta, evitare di mangiare fritture in modo frequente.
E' bene rivolgersi ad un gastroenterologo, che consiglierà gli eventuali farmaci da assumere, e se è il caso di sottoporsi ad una gastroscopia.

venerdì 7 agosto 2015

ACEROLA : EFFETTI BENEFICI E CONTROINDICAZIONI

L'Acerola è una pianta che proviene dall'America centro-meridionale, specialmente dal Brasile.
I suoi frutti sono simili alle ciliegie, il cui colore è rosso-arancio, hanno un sapore dolce con retrogusto acidognolo.

Composizione
Contiene vitamina C, molto più abbondante rispetto agli agrumi, sono presenti anche i carotenoidi, la vitamina B, gli antociani, i flavonoidi, il magnesio, il ferro, il calcio.

Effetti benefici
Le proprietà dell'acerola sono le seguenti :
- tonifica grazie al suo contenuto in fenoli e vitamina C;
- aiuta durante l'inverno a prevenire i malanni tipici di questa stagione o comunque ad arginarli, infatti stimola il sistema immunitario;
- è antiossidante, per il suo contenuto in flavonoidi;
- ha effetti benefici contro il diabete, infatti fa abbassare la concentrazione di glucosio nel sangue;
- ha proprietà astringenti e diuretiche.

Posologia e controindicazioni
acerola proprietàSi assume sotto forma di compresse, oppure di polvere oppure di succo molto concentrato, la dose indicata è di 5 milligrammi per chili di peso corporeo,  due volte al giorno, lontano dai pasti.
E' controindicata nei soggetti che soffrono di gastrite e di calcoli ai reni, non si può assumere contemporaneamente ad altri preparati di erboristeria che vengono usati per curare le infezioni delle vie urinarie, soprattutto quelli che contengono uva ursina, per evitare azioni interferenti.